Check-in Architecture. The Exhibition.

Milano Design Week, Torino World Capital Design, Festarch, Biennale Architettura di Venezia: tutti gli eventi per la presentazione della ricerca.

Gli spazi di rappresentazione in rete stanno cambiando forma. Come trasformano lo sguardo? In che misura quella stessa rappresentazione interagisce con la percezione degli spazi urbani? Claudio Sinatti e Invernomuto hanno da sempre dimostrato nella propria ricerca audiovisuale un interesse speciale, quasi ossessivo, per lo spazio urbano e suburbano. Per questo, li abbiamo invitati a immergersi e a scavare nel debordante archivio audiovisivo prodotto in quattro mesi, e occupare con le opere in mostra un grande spazio pubblico di suoni e di immagini. Un nuovo spazio di visioni dove si potessero interrogare e mettere in gioco anche i movimenti, le posture, i comportamenti e la percezione dello spazio stesso. Sono così nati Mission Church, una parete di immagini con tutti i video pubblicati su YouTube e Perspectives on Archive, film erratico ed inquieto. L'uno si è concentrato sul linguaggio visivo, l'altro sui soggetti e gli spazi ripresi. Entrambi hanno sfidato gli stereotipi della bassa definizione, scegliendo di esaltarla. Contemporaneamente, immaginando lo spazio espositivo come un media del presente, abbiamo chiesto agli studi di architettura europei Ecosistema Urbano, Cherubino Gambardella, Ma0, Metrogramma e NL Architects di dare forma, solo attraverso parole e suoni, ad alcune riflessioni originali dedicate a parole chiave che cercano di leggere la città contemporanea nella sua costante metamorfosi.
Gli artisti e gli architetti presenti alla mostra hanno risposto ai nostri quesiti con uno statement: la ricerca sull'immaginario produce dubbi, riflessioni e battute d'arresto. Ma può generare opere, inventare formati e reinventare media. E, soprattutto, stimolare la progettazione.
Sotto. Venice Biennale, Tese di San Cristoforo. Ingresso.
Sotto. Spazi per redazione Check-in Architecture e Bar.
Perspectives on Archive: Check-in Architecture.
Video installazione di Invernomuto 2008 Video (97') & sound (116') out of sync loops.
 
Avendo sempre avuto un interesse per la rappresentazione dello spazio urbano e suburbano, nella profondità degli strati di suoni e visioni del paesaggio, Invernomuto ha realizzato un video in forma di una lunga suite, a metà strada tra un'installazione di grandi dimensioni e un film sperimentale . "Prospettive Archive" seleziona, ristruttura e giustappone le sequenze del materiale registrato stato "escluso" dall'editing finale dei video delle missioni realizzate dagli autori di Check-in Architecture pubblicate su youtube. In questo lavoro emerge da un lato una possibile rappresentazione della "undistinguished European", di un paesaggio che sfugge alle rappresentazioni olografiche e stereotipate dell'iconografia turistica. E, dall'altro, emergono piccoli spettacoli prodotti da spazi urbani il cui ritmo è dato da una colonna sonora musicale strutturata attorno strati e livelli di suoni sovrapposti. "Perspectives on Archive" trasforma quello che era apparentemente il materiale scartato in un flusso audiovisivo magnetico che scorre e avanza svalando l'inconscio visivo contemporaneo che si intreccia con il processo di formazione lenta ma inesorabile dell'immaginario urbano presente.
Cinque installazioni audio.
Ecosistema Urbano, "10 things we have learned from the city".
Cherubino Gambardella, "My Imaginary".
Ma0, "A loose fit is more".
Metrogramma, "Urban Nerves".
NL Architects, "Can sound shape public space?".
Mission Church.
Videoinstallazione di Claudio Sinatti
Sound Design (Claudio Sinatti): Andrea Gabriele
Programmazione e Compositing (Claudio Sinatti): Francesco Capone e Giulio Barbetta
Claudio Sinatti 2008

Mission Church è una pelle di immagini in movimento che ricopre una parete in tutta la sua interezza. Claudio Sinatti ha prima disarticolato e smembrato tutta la mole di "missioni" di Check-in Architecture pubblicate su Youtube riclassificandole secondo riprese, inquadrature e movimenti di camera. Poi ha ricomposto fra loro le immagini e - come a comporre un mosaico organico - le ha disposte in finestre e racchiuse in scansioni verticali, facendole migrare a varie velocità da una finestra all'altra, modificando così incessantemente la forma complessiva e dando vita ad un'architettura audiovisiva cangiante ed effimera. La musica di Andrea Gabriele, appositamente composta, accompagna Mission Church intrecciandosi ambiguamente alla parete di immagini video senza mai chiarire quanto eventualmente ne determini scarti, movimenti e pulsazioni.
Design Week, Milano. Check-in Point e redazione.
Oltre ad essere information point sul progetto, presso i Check-in pont è possibile iscriversi alle missioni Check-in Architecture e candidarsi direttamente ad alcune SuperMissions, ritirare tutto il materiale per partire.
Nel corso del Design Week è stato distribuito il primo numero del free press.
Check-in Architecture. Showcase, Torino.
Check-in Architecture ha presentato a Torino nell’ambito del XXIII Congresso Mondiale di Architettura (29 giugno/3 luglio) un'exhibit, una serie di incontri con protagonisti dell'arte e dell'architettura internazionale, Check-in Poit per la partenza delle missioni, eventi sul territorio.
Nello spazio Oval sugli schermi di Check-in Architecture sono stati presentati i dati di sintesi del percorso di ricerca sugli spazi urbani immagini riprese nel corso delle missioni.
Nello spazio Oval e contempraneamente e sugli schermi degli Urban Screen europei di Londra, Parigi, Berlino, Milano.
Sotto: l'Area lecture nel corso di un incontro con Peter Eisenmann.
Sotto: World Capital Design. Il Check-in Point alla Venaria di Torino.
Sotto la redazione di Check-in Architecture al Festarch di Cagliari.
Sotto: il Check-in Architecture Final Party a Venezia.

You may also like.

Tu che mi guardi, tu che mi racconti.
Capire la multi-culturalità cercando di preservare una visione caleidoscopica di come i popoli re-inventano se stessi per poter vivere nel nostro Paese.
Check-in Architecture. Press.
Cos'è, come si partecipa, i risultati della ricerca accompagnati da testi di artisti, architetti, designer, sociologi internazionali.
SignJam Live.
Il più significativo progetto sulle Urban Cultures realizzato in Europa: uno spazio per fare arte, per imparare e confrontandosi la scena internazionale.
Kid-a 01.
Il primo magazine multimodale dedicato alla network generation. Esserci, fare esperienza, partecipare, costruendo nel tempo una comunità di utenti.
Indizi di Stile.
Dieci giovani fotografi, cinque città, cento location, mille persone, un database, una ricerca per mappare gli stili di vita del target Hogan.
Milano Mashup.
Un gioco urbano che invita ad esplorare la città, raccontando, tutti insieme, Milano com’è e come la si vorrebbe.
Metamorph.
Con la Biennale Architettura di Venezia, in viaggio intorno al mondo alla scoperta dell'architettura contemporanea.
Sign Jam Open Lecture.
Quattordici incontri curati dagli esponenti più significativi delle Urban Culturs: styling audiovisivo, dj culture, fashion, calligrafia urbana, design.
Nastro Soundway.
Tre audioguide d’autore per conoscere Milano, la città del design, come se fossimo immersi nel soundtrack di un film, attraverso una prospettiva inedita.
Check-in Architecture. 300 Documentary.
Il più grande progetto di ricerca partecipativa sulle città europee per raccontare con documentari di 3 minuti storie su come stanno cambiando le città.
Back to Top